Il Sogno di ogni Donna? Una Cucina Nuova!

A volte capita che il ciabattino trovi il tempo per risuolare le proprie scarpe o quelle della sua famiglia…

Da un po’ Danilo pensava di inserire il ferro negli arredi,  quelli “importanti” come una cucina.

Secondo voi, potevo lasciarmi sfuggire questa succulenta occasione?

Abbiamo preso contatti con Luca Zaninelli, titolare dell’azienda Zaninelli Wood & Stone, che ci ha sempre attirato per l’accostamento di legno e pietra, due materiali del nostro territorio montano.

Gli abbiamo chiesto se gli sarebbe piaciuto collaborare nella realizzazione di tale progetto.

Alla entusiastica risposta affermativa, gli ho quindi fornito precise indicazioni su come avrei voluto che fosse la mia nuova cucina.

Innanzitutto il piano di lavoro doveva essere grande! Avevo scelto il travertino come pietra, perchè si sposava bene al rovere delle ante, ma Luca ha insistito affinché scegliessi la Dolomia, una delle cui poche cave al mondo è nella nostra Regione.

E lo devo ringraziare per avere insistito: è veramente bellissima!

 

 

 

Il grigio sfumato e maculato di questa pietra si sposa in maniera eccellente con il nero del ferro, colore che viene riportato anche nelle venature stuccate del legno

E vi assicuro che la superficie di quasi 4 metri quadri del bancone non appesantisce minimamente la visione d’insieme.

Non vi dico la comodità di fare gli impasti qui sopra! Non si attacca nulla…

Il legno di rovere la fa da padrone per quanto riguarda le ante delle colonne, tre delle quali (due sotto i forni e una che nasconde la lavastoviglie) sono poi state rivestite di lamiera per dare movimento.

 

 

 

Quello che salta subito all’occhio è il mobile a giorno, interamente realizzato in ferro, con antine in lamiera traforata e ripiani in legno, che dona tantissima leggerezza alla parete attrezzata

 

Nella parte inferiore trova posto un cassettone con ruote pensato per contenere la legna della stufa: comodissimo!

E sopra alla piastra i condimenti sono a portata di mano grazie al pensile, anch’esso in ferro con ripiani in legno.

 

 

 

Dall’altra parte del bancone trovano posto 4 sgabelli in ferro con sedute in rovere e un angolo a giorno pensato apposta per gli elettrodomestici che se non si hanno sotto mano non si usano…

 

Il risultato finale è uno spettacolo! Vi assicuro che ogni giorno, quando vedo la mia cucina, non posso che dire: che meraviglia!

 

Ringrazio il mio fabbro del cuore per essere riuscito a trovare il tempo da dedicare ad un progetto che mi frullava in testa da un po’:

una cucina nuova!

Sogno di ogni donna, vero?

…che poi la cucina è anche la sua… 🙂